Cambiare lavoro per non rinunciare allo smart working

Cambiare lavoro per non rinunciare allo smart working

Rinunciare allo smart working dopo averlo provato? Piuttosto cambiamo lavoro. Lo dicono il 60% degli italiani intervistati dalla società di ricerca del personale Wyser: a spaventare i lavoratori – spiega il Tgcom – sono i ritmi prepandemia con mezzi di trasporto affollati e traffico (50%), sveglia anticipata e scelta di un abbigliamento idoneo (30%). Giudizio chiaro e netto: mai più come prima.

Qui il link per leggere l’articolo completo.

Il futuro del Retail dopo il Covid-19

Il futuro del Retail dopo il Covid-19

Cosa si aspettano i consumatori dall’esperienza in negozio nel dopo Covid-19? Le ricerche di GfK dicono che i consumatori italiani sono divisi a metà, tra coloro che desiderano riscoprire il contatto umano all’interno dei negozi (49%) attraverso la presenza di personale, assistenza in negozio o promoter e coloro che invece preferirebbero trovarvi un maggiore utilizzo di tecnologie digitali (51%), compresi gli assistenti virtuali e i sistemi di intelligenza artificiale, che possono aiutare a mantenere un elevato livello di sicurezza nel punto vendita.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link.